Disculpa, pero esta entrada está disponible sólo en Inglés Estadounidense, Italiano y Alemán. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in one of the available alternative languages. You may click one of the links to switch the site language to another available language.

Palazzo Caetani Lovatelli

Palazzo Caetani Lovatelli al Ghetto Ebraico

Palazzo Caetani Lovatelli, sede della casa d’aste ACR Auctions di Giuseppe Bertolami, è uno dei più noti e interessanti edifici tardo-cinquecenteschi romani.

Collocato al centro del rione Campitelli, tra la piazza omonima e la più piccola piazza Lovatelli, è caratterizzato da uno stile molto sobrio, tipicamente tardo manierista, quando all’estro più marcato nel campo pittorico e artistico si contrappone spesso nell’architettura civile un linguaggio semplice e severo.

Il cantiere del palazzo iniziò negli anni ottanta del Cinquecento su committenza di Giacomo Serlupi e fu terminato attorno al 1620 da monsignor Girolamo Serlupi, fratello di Giacomo.
I cantieri dei palazzi romani cinquecenteschi normalmente potevano protrarsi per decenni; lo spazio per costruire edifici interi nel centro della città spesso non era sufficiente e si rendeva necessario, anche per le famiglie principesche più importanti, acquistare lotti di case private a caro prezzo per poter completare un prospetto o un cantonale su una pubblica via.
Il palazzo rimane proprietà della famiglia Serlupi fino alla metà del settecento, per poi passare ai Ruspoli e successivamente ai Lovatelli, famiglia originaria di Ravenna e imparentata con i Caetani.
Stilisticamente, all’esterno il palazzo ha una veste quasi militare: tre file di finestre, inginocchiate al piano terra, architravate al piano nobile, a mezza altezza al mezzanino; un cornicione a mensole sulla gronda; due bei portali architravati su piazza Campitelli e su piazza Lovatelli, collegati tra loto en enfilade.
Anche il cortile interno mantiene uno stile severo: articolato su tre lati a due ordini di arcate sovrapposte, in parte tamponate nell’Ottocento, è incompiuto sul quarto lato. Dal cortile una cordonata di grande eleganza e ampiezza porta al piano nobile, dove è la sede di ACR Auctions.

Dal passaggio di proprietà alla famiglia Lovatelli il palazzo, e in particolar modo il piano nobile, diventa un salotto culturale di grande livello, grazie alla figura della contessa Ersilia Caetani Lovatelli (Roma, 1840-1925), archeologa e prima donna ad essere nominata Accademica dei Lincei. La contessa, tra la fine dell’Ottocento e il primo ventennio del Novecento, raduna nel piano nobile personaggi illustri, del mondo dell’archeologia e non solo, quali Theodor Mommsen o Rodolfo Lanciani, ma erano di casa anche Gabriele D’Annunzio, Giosuè Carducci e Franz Liszt, che diverse volte suonò per gli ospiti in casa Lovatelli.

Dei fasti seicenteschi e settecenteschi nel piano nobile restano tracce molto evidenti e interessanti; a partire dall’ingresso, che conserva una decorazione a grottesche della fine del Settecento e un portale di accesso probabilmente parte dell’impianto originario Serlupi, lo spazio si articola nella classica impostazione con saloni ad enfilade, seguendo il parimetro dei prospetti su piazza Lovatelli, via dei Funari e piazza Campitelli. Nel secondo salone è da notare, sotto ai cassettoni decorati, un fregio affrescato della fine del Cinquecento con scene di storia romana divise da campiture a grottesche, molto ridipinto ma certamente originale; nel quarto salone la volta ribassata è decorata nel riquadro centrale da un affresco con due grandi figure femminili allegoriche, di scuola bolognese di secondo seicento; il quinto salone conserva invece l’elegantissima decorazione architettonica a paraste corinzie e cornici floreali, arricchito da una bella volta ribassata decorata con figure femminili danzanti a tempera. Il piano nobile di palazzo Lovatelli può essere considerato uno spazio tra i meglio conservati nel novero dei manieri principeschi di media importanza nella zona del Campidoglio, segnando peraltro strategicamente il confine con la zona del Ghetto Ebraico a vocazione più popolare caratterizzata, verso il Portico di Ottavia, da case a schiera seicentesche di minor pregio. (Tommaso Strinati)